torna alla schceda precedente  Alzeri  vai alla scheda successiva 
La chiesa 
di San Nicolò  
 
 
 
La chiesa di San Nicolò degli Alzeri è stata costruita, con un orientamento nord sud, nel 1200 d.C., accanto ad un rifugio per i monaci guerrieri e per i pellegrini diretti in Terra Santa. La chiesa era affiancata da un romitorio accanto al quale c’erano stalle per cavalli e anche per altri animali di allevamento. Secondo la tradizione, la chiesetta sarebbe stata edificata daidei templari, un ordine di monaci il cui compito principale era difendere i pellegrini inermi che si recavano in Terra Santa o semplicemente  offrire loro ricovero per la notte.
L’edificio è costituito da una navata rettangolare, dal presbiterio con il soffitto caratterizzato da volte a vela. Gli elementi che arredavano l’edificio sacro sono in gran parte stati rubati, alcuni sono stati sostituiti da copie oggi osservabili dall’interno. In questa chiesa non è presente il fonte battesimale. Tra gli elementi originali si conservano i due paliotti degli altari e la pila dell’acqua santa. Secondo la tradizione vi sarebbe sotto la pila dell’acqua santa un accesso nascosto ad una galleria segreta che conduceva al romitorio, o addirittura, passando sotto l’alveo del torrente Bût, al lato destro della valle, dove passa il “troi dai muarts “ un sentiero che passando a mezza costa congiungeva i paesi dell’alta valle del Bût alla Pieve di San Pietro. Al di fuori della chiesetta si può  vedere il cimitero post napoleonico, dove tutt’ora vengono sotterrati i defunti.
 
a cura di Eleonora, Arianna, Lorella, Monica
torna al sommario