Leonardo Zanier

divider.gif (415 bytes)

NOTIZIE SULLAUTORE sindacalista, animatore e mediatore culturale, esperto di formazione degli adulti, di emigrazione e di sviluppo locale. Ed tra i pi noti e letti autori friulani, anche fuori dal Friuli. Molte delle sua raccolte di versi sono state musicate e tradotte nelle principali lingue europee.
La sua prima raccolta di poesie: Libers di scug l /Liberi di dover partire, (1964), racconta lemigrazione carnica e non solo, dei primi anni 60. Gi edita da Garzanti con prefazione di Tullio De Mauro, uscita recentemente, nella sesta edizione, a cura di ediesse, Roma 1998 (ediesse@mail.cgil.it), con prefazione di Sergio Cofferati, ed una vera e propria storia del libro e della critica, che ne ha accompagnato fin qui la vita, curata dal docente Rienzo Pellegrini dellUniversit di Trieste.
Nelle due sottili antologie: Manutenzione preventiva e La propria et un furto, uscite nel 2000 in Ticino a poca distanza di tempo, e questa: Punta secca, Edizioni Ulivo (leggerti@ticino.com), sono raccolte riflessioni e articoli recenti, in gran parte rielaborati che, con ironico e partecipato disincanto, raccontano lintreccio tra i fatti minuti, che ci avvolgono e ci imbozzolano, e i grandi eventi che determinano i destini collettivi e individuali.

I suoi recenti lavori teatrali: Confini: un teatro! (1998) e Turismo: un teatro! (1999), messi in scena con il Teatrino del
RIFO, lo hanno visto anche impegnato e divertito attore. A questi copioni si pu aggiungere la favola: Linia dreta / Linea diritta (2001). Le tre pubblicazioni sono edite dalla coop La Chiusa di Chiusaforte, Udine (cooplachiusa@libero.it) presso cui appena uscito anche Committenze, che comprende parte dei testi e poesie scritti, appunto, su commissione, con prefazione di Elvio Guagnini dellUniversit di Trieste.

Per oltre quindici anni ha seguito e coordinato, per l'Unione Europea, progetti di sviluppo locale contro la marginalit, la povert e l'esclusione. Attualmente presidente della Fondazione ECAP Svizzera (Istituto per la formazione degli immigrati e la ricerca) e membro del direttivo e responsabile esteri dell'associazione SMILE (la rete di formazione e ricerca, promossa dalla CGIL, presente in gran parte delle Regioni italiane e nei principali Paesi europei).
Socio fondatore della Cooperativa Albergo diffuso" e promotore del progetto omonimo, sostenuto dall'Unione europea attraverso i Programmi 5b e Leader. Progetto che, dopo un lungo periodo di gestazione e, quindi, di importanti lavori di ristrutturazione di 9 edifici, ha permesso la creazione di 85 posti letto (in bellissime case e rustici che appartengono, in gran parte, a proprietari emigrati), si materializzato ed stato inaugurato il 10 marzo 2001, a Maranzanis di Comeglians (suo comune d'origine).
Nellestate 2000 stato invitato a presentare le sue opere al Mittelfest di Cividale.
appena uscita una antologia: Den Wasserspiegel schneiden / Sot il pl da lga / Sotto il pelo dellacqua, Limmat Verlag, Zurigo 2002 (www.limmatverlag.ch), che raccoglie, tradotta in tedesco (con i testi originali in friulano e la traduzione in italiano), quasi un terzo di tutta la sua produzione poetica.

 

 

Dal libro Leonardo Zanier, Libers... di scuign'i l / Liberi... di dover partire, Poesie 1960-62, 6. Ed. Ediesse, Roma 1998 (1. Ed. 1964) 

Dedica 

(scarica il file mp3 - 924 kb - recitata da Celestino Vezzi)

a chei ch'a no tornaran plui
parc'ch'a son muarz
a chei ch'a no tornaran plui
e ch'a son vs
e chei ch'a son tornz
par mur
o par torn a part

a chei ch'a stan partint vu
e a chei che incjm no san lei
o ch'a sgjambirn
ta panza di lr mari
ch'a nassaran gi vurfins
di pari
e lu saran ds ms adan
fint ch'a varan avonda ans
par dj il cambio
par continu una orenda
tradizion
una strazzaria di afiez
un cori cence rads
un lavor cence intars
un vegn vecjus
cence speranza

a gno pri
ch'al puartt
fat e disfat vals
sot duc' i ci
fint che la so fuarza era plui granda
dal ps da vals

a m mri
ch'a vat fasntlas
spiett glotint il timp
novembre e las lteras
e cidina strengjt
vat spiett strengjt
vat spiett strengjt
an dopo an
vat secui
par strengi seconz

a vuaitis ams duc'
muarz e vs
a t Aldo e a t gioventt
ridint e sfortunada
a t vita
curta come una vilota
il timp di sintla
a pls
e a gi finida
un cjant la t vita
un urli la t muart
'tar un pas di sorz
ch'a ti doprava
in un lc svzer
tu volevas rinfrescj
il to sudr
ma il lc di sciert
sra la t speranza
e las lgrimas
a' n fat cerclis su l'ga

a Silvio e a vuitis
ch'j ss tornz
segnz ta cjr
che il lavr
su mutilz
disgropz
come la manria 't'una taja

a Luciano
e a duc' chei ch'a crdin
ch'a si po' f
ch'a si evi cambi
a chei ch'e n vi par jodi
e un cr ch'al sa va
e mans
ch'a san strengi tas mans

e a n cjargnei
fuarz
sans
lavoradrs
onesc'
e inteligjenz
ma plui tas cjanzons
che ta vita

a n ch'j caviln
par doi metros di cjera
parc' ch'j no vin cjera

ch'j lin pal mont
parc' ch'j no vin lavr

ch'j disn
scir s scir paron
e j pensn
parc' ch'j vin poura

a n che sl quant ch'a nu' mtin
un cjapiel cu la pluma
e qualchi litro di vin tal stomi
j savin deventa eres

as nestas vecjas cjasas
pengjas e liseras come un cjant
chi no savin f plui

a cheld esideri di libertt
ch'a nu' vf denti
encje se nassz
tra un cl cuss strent

a chei ch'an vt la fuarza
di resisti vinc' ans
e di mtissel bessi
il lr cjapiel cu la pluma
ch'a son restz oms
quant che ssi oms
voleva d preson
e no v la tssera
fan

a chei che par fuarza
emigranz
su trenos bestim plombz
n lasst la vita in tun for
a' n pajt par duc'
se di duc' a la colpa
quant che la bestialitt
e l'egoismo devntin pod

parch'j vtino il coragjo
di vos
da sancrs
RADCUI
a chei che ca e l
pas cenas
o sui gjorni
a' esltin cun retorica
il sacrifici cidin
e disgracit
di chesta cjera

parch'e encje n
rivni a cjat una rason
ai nestis sfuarz
una fin al nesti l
invece di ne
tal vin i fastidis
e st a va cidins
su las nestas disgracias

 

La bielezza da Cjargna

(scarica il file mp3 - 425 kb - recitata da Celestino Vezzi)

quant ch'a no plf
e i oms son a cjasa
e su las monz ls la nf
e i pez lontans
l'n gi scjassada
e las cjampanas
rvin puartadas
dal coton da l'aria
a biela la Cjargna

encje quant che 'l soreli
'l cr devr a nf
e nassin sot i pez
las prmulas
las vlias tra i sterps
i sclopons tai prz
e il cl 'l blu
e las ostarias vuitas
e i gis mntin las ribas
sot un grumut di vus
ch'a s'ingegnin a mviu
a simpi biela la Cjargna

e apena tas vals
si sntin las cz
e las batadrias
e il sgrifign das frcjas
su una vecja crosta di cjera
pocadas da geni
ch'a no n plui
una schena di om da strengi
'l quasi un cjant
la bielezza da Cjargna

e dopo quant che ormai
las fueas devntin colrs
prima di devent foet
e il prin frt sbassa
i ucei e las vacjas
e i flz fsin cristai
ta l'aria
e las monz trnin blancjas
e la speranza a un treno
o una coriera
e dut samea una fiesta
a im plui biela la Cjargna

ma pde ssi bielezza
chel sud cence pusas
chei pas cence oms
chel lavr cence cjanz
chel soreli ch'al divt
ch st ch'a rosea
ch gioventt ch'a si 'n' va
pde ssi bielezza chesta?

o sclavitt debolezza
sconfuart
di vuitis ch'i si 'n' lis
e incoscienza egoismo
miseria
di vuitis ch'i restais?

 

Di bessi

vu par ps grts in Cjargna
la uva no madura

se l'ozono spessa cuvierta
ch'a nus invulua
si dissipa e si fora
par via di lontans vulcans
e di cjamins e motrs
a Udin o Berlin:
cressar su la cjera
il cjlt four di misura!

duncja: plui deserts
e tumrs tal mont
e in Cjargna
uva madura!


ZH, 05.02.1991 / . / ZH, 21.06.1992

Da soli - oggi per pochi gradi in Carnia / l'uva non matura / / se l'ozono spessa coltre / che ci avvolge / si disgrega e si fora / a causa di lontani vulcani / e di ciminiere e motori / a Udine o Berlino / crescer sulla terra / il caldo fuori misura! / / dunque: pi deserti / e tumori nel mondo / e in Carnia / uva matura!

Da: Licf > Licf grant > oggi in: Den Wasserspiegel schneiden /
Sot il pl da l'aga, Limmat Verlag, Zurigo 2002, www.limmatverlag.ch

 

An nf vita vecja

(scarica il file mp3 - 624 kb - recitata da Celestino Vezzi)

 

bessi in tanc'
sentz su las vals
o imps
a spitin
un marcjapt vf
un mosaic
di cjavei bionz
neris o grs
di cjs spelz
di grspas

bessi in tanc'
a spitin un treno

filas di vi
neris o blu
clin sul binari
vueit cu la cinsa
dai ultims nazioni

a spietin
no pnsin a nuja

par no sint
ch'a n frt
ch'a si sntin pierdz
ch'a passaran ms

no cjlin plui
chei itis marciapz
dul ch'a parts
la int
ch'a tornar a cjasa
la sera
as cins o as ss
LA INT? cui el dit INT?
ma lr ce sono?

lr?
lr a spitin
e samin apena vfs
int di un ti planeta
di un'ta dimension
four dal timp
e da realtt
ombras di oms
lbers
di scugn l

a spitin ma no samin
i simiteris costituzioni
ch'a son
ne i EROES dai discors
di sindics e predis
a Nedl:
<< I Missionari
del lavoro italiano nel mondo
i cari fratelli
che se ne vanno
l'onore la lealt
nella valigia!!!>>
e i cai tas mans

e la femina?
si da rangj
se il prt
sforcj il cjamp
im je? ma fint quant?
e di rest sot il gi?

e i fs?
impar a f vals!
encje lr? e i lr fs?
ma la cjasa?!
e il bosc ch'al va in ruvs?
e dut il rest?
ch'a no si ds
ne si riva a d?
grop tal glutidr
sot ch fieraia a vlt
picjada sora i cjs
che un pc ju supa
e un pc ju scjafoja

a' spitin
a' pnsin cum
e se no partissin?
se invece

ma il binari si empla
di rumrs e di arvuedas
alora si lcin i vi
clin las cjcas
si svin cjs grspas vals
s'inacurgin ch'n pressa
tra mandis pocs e blestemas
sparscin tal treno
un ps sent
il rest imps
a' son in tanc'
sul marcjapt

stazion di Milan
genr febrr marc' avrl
binari ss
buinora as ss as vot as ds

trenos par Chiasso
AN NF VITA VECJA!

Stagjoni

(scarica il file mp3 - 248 kb - recitata da Celestino Vezzi)

Lass
la famea
la cjasa
il berz
l'ostaria
i ams
las pedradas
un cl da sisilas
i odrs
di una vita

strengi
tar 'na vals
i vistz
plens di bosc
i ricurz
e las fotografas
un toc di formadi
il livel
un salam
una cjazza
ds cculas
e una lagrima
ingosada
buss
la femina
i fruz
ridint
plens di poura
di mtisci
a va
e po' l
cun corieras
e trenos
lontans
dul che l'ga
un ti savr
e no san f
la polenta
e il vin
nol sa da nuja
e la int
a pressa

l
pensant
a novembre
a vacja
ch'a j tocja
al pecol
rot da olgja

durm
in t'una baraca
cu int
ch'a rangussa
dopo v net
ta bira
il ricurt
di noz
plenas di fc
e i matez
dal canaj
'tas moschetas


'Tar un bosc fis

(scarica il file mp3 - 168 kb - recitata da Celestino Vezzi)

'tar un bosc fis
i pz
si spuin das pcjas
e crscin
luncs
nz
biei
insieme
fin ta ls
e sott
no d'
puest pai baraz

encje se pierdi
ramaz
'l dolr
j vin di pirdiju
cjaln plui in l
dal nesti bearz
e j sarin plui in su
ideas muartas
nu' tgnin tacz
'tar un mont di muarz
cjaln plui in l
dal nesti beraz
e j sarin plui fuarz

 

 

home.gif (2935 bytes)

 


Cjargne Online
1999-2005 - Associazione culturale Ciberterra - Responsabile Giorgio Plazzotta
I contenuti presenti in questo sito sono di propriet degli autori - Tutti i diritti riservati - All rights reserved
Disclaimer